Menù

Inquinamento nella Valle del Volturno, la Regione indaga ma Passarelli non si presenta a “testimoniare”

Inquinamento nella Valle del Volturno, la Regione indaga ma Passarelli non si presenta a “testimoniare”

Resta di dirompente attualità nella Piana di Venafro – e non solo – il tema dell’inquinamento ambientale. In attesa di eventuali interventi da parte del titolare regionale della delega, dopo il blitz di Città Nuova che ha anche chiesto la testa di Nicola Cavaliere, ieri dalla III commissione consiliare della Regione Molise è giunta notizia della diserzione da parte della sindaca di Pozzilli e presidente del Nucleo industriale. Stefania Passarelli, infatti, malgrado l’invito non ha ritenuto di doversi presentare in audizione.
A comunicare l’assenza è stato direttamente il presidente dell’organismo regionale Armandino D’Egidio: in commissione siedono anche i consiglieri Antonio Tedeschi, Valerio Fontana, Fabio De Chirico e Nico Romagnuolo.
«Da tempo abbiamo avviato un’indagine conoscitiva al fine di acquisire dati ed informazioni sui livelli di inquinamento industriale nella regione Molise. A tale scopo è stato invitato in audizione il commissario del Consorzio per lo sviluppo industriale Campobasso – Boiano, Antonio Galasso, il quale si è impegnato a fornire una relazione dettagliata sulle aziende operanti nell’ambito territoriale del Consorzio predetto e differenziate dal diverso processo produttivo nonché dal potenziale rischio di rilascio di sostanze inquinanti», ha riferito D’Egidio.
Lo stesso presidente della III commissione ha quindi reso noto che «alle audizioni è stata invitata anche Stefania Passarelli, presidente del Nucleo industriale di Isernia-Venafro, che tuttavia ha ritenuto di non corrispondere all’invito rivoltole dalla commissione su un argomento per il quale è essenziale acquisire le sue valutazioni».
Dunque, «l’importanza dell’argomento e la responsabilità civile ci impongono una maggiore attenzione sui numerosi fattori che possono incidere sull’inquinamento. L’obiettivo è di raggiungere livelli di qualità dell’aria che non comportino conseguenze o rischi inaccettabili per la salute umana e l’ambiente».
Intanto, dal Venafrano ambientalisti e associazioni hanno palesato un certo “malessere” poiché attendono evidentemente anche loro un invito in audizione al fine di poter esporre direttamente le problematiche che attanagliano il territorio.
Sia come sia, appare grave l’assenza di Stefania Passarelli non tanto in qualità di sindaca di Pozzilli bensì di presidente del Nucleo industriale, carica per il quale è stata invitata in commissione: la diserzione – a quanto pare non giustificata – sembra un affronto se si considera che al Consorzio partecipano anche altri paesi dell’area e non solo, ovviamente, Pozzilli.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.