Menù

Campobasso, stalli per disabili in pendenza: è ancora bufera sul parcheggio in viale Manzoni

Campobasso, stalli per disabili in pendenza: è ancora bufera sul parcheggio in viale Manzoni

L’associazione “Salviamo il quartiere Vazzieri” di Campobasso torna a denunciare le criticità presenti in zona e a farsi portavoce delle lamentele dei residenti del quartiere.
Dopo la polemica sollevata la scorsa settimana sull’ennesima colata di cemento per la creazione di un parcheggio in un’area che avrebbe dovuto divenire un parco, ora la protesta riguarda, nello specifico, gli stalli dedicati ai diversamente abili.
«Avete mai visto dei posti riservati ai disabili collocati in una discesa con una pendenza che arriva a superare anche il 40%? A Campobasso tutto ciò è possibile».
Così esordisce in una nota il comitato che spiega: «Purtroppo, a pochi giorni dalla nostra denuncia sulla colata di cemento in viale Manzoni, siamo costretti a chiedere nuovamente aiuto, a far sentire la nostra voce, perché su quello che abbiamo, a giusta ragione, definito un “mostro ambientale”, è stato commesso un gravissimo atto di violenza nei confronti delle persone disabili. Insomma, oltre al danno (del parcheggio), arriva (e qualcuno dovrà spiegare il perché) anche la beffa.
Il parcheggio è ancora lì, aperto a tutti e senza alcun rispetto delle norme di sicurezza e dunque continua a rappresentare un “costante pericolo per l’incolumità pubblica”; a ciò, grave e senza giustificazioni, hanno ben pensato di aggiungere altro: due posti riservati ai disabili.
Ma come li hanno realizzati? Parcheggi per disabili in fondo ad una discesa con una pendenza che, come anticipato, in alcuni tratti supera anche il 40%.
Noi abbiamo chiesto di effettuare attività di verifica su quel parcheggio e per tutta risposta ci siamo ritrovati con disegnati, dalla sera alla mattina, dei parcheggi per disabili che rappresentano, come si evince dalle foto, una umiliazione per le persone disabili che, grazie alla realizzazione di queste “non opere” di abolizione delle barriere architettoniche, sono anzi maggiormente emarginati.
Un parcheggio “riservato ad una categoria protetta”, collocato in fondo a una discesa ripidissima fa davvero sentire una persona disabile un emarginato. Qualunque disabile, lì, è impossibilitato a muoversi, sia con supporto umano che meccanico.
Una umiliazione – aggiunge l’associazione – alla quale le persone disabili, in una città, capoluogo di regione, che dovrebbe essere nel 2019 un minimo inclusiva e accessibile, non è accettabile. Anzi, non è umano.
Dopo aver denunciato l’abuso ambientale, ritrovandoci per tutta riposta due parcheggi per disabili realizzati in quel modo, ci sentiamo ancora più sconfortati e abbandonati».
Dunque il nuovo appello alle istituzioni: «Chiediamo, per questo, nuovamente al sindaco Gravina, e all’assessore Cretella di porre immediatamente rimedio a quanto sta accadendo perché non c’è cosa peggiore che umiliare e emarginare i cittadini disabili non rispettando la legge.
Oltretutto vorremmo capire cosa sta accadendo e perché si continua a intervenire su un’area che dovrebbe offrire tutt’altro ai cittadini.
Invitiamo il primo cittadino e l’assessore e anche voi spettabili organi di stampa a recarvi sul posto: solo guardando con i vostri occhi potrete accorgervi di cosa viene consentito a Campobasso».
A seguito della segnalazione dell’associazione l’assessore alla Mobilità a Palazzo San Giorgio, Simone Cretella, ha precisato: «Sopralluogo effettuato, gli uffici preposti stanno effettuando tutte le verifiche del caso». Cretella, infine, ha invitato i componenti dell’associazione a contattarlo per ulteriori delucidazioni sul caso segnalato.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.