Menù

Isernia, aggrediscono il titolare di un night: due giovani nella rete della Polizia

Isernia, aggrediscono il titolare di un night: due giovani nella rete della Polizia

Momenti di panico quelli che si sono vissuti in un night club dell’Isernino. Due giovani, dopo aver messo in subbuglio il locale hanno picchiato, senza alcuna apparente ragione, il titolare dell’attività. L’episodio è accaduto alcune settimane fa in un centro della provincia e, al termine degli accertamenti del caso, sono scattati i provvedimenti del questore Roberto Pellicone, nei confronti degli aggressori, due ragazzi di 18 e 20 anni, residenti nella zona. Stando a quanto ricostruito dalla Polizia, i giovani avevano scelto il night club per trascorrere la serata. Ma fin dal loro arrivo hanno iniziato a infastidire gli altri clienti. Poi hanno discusso con il barman, che è anche titolare del locale. E al culmine del diverbio lo hanno aggredito con calci e pugni. L’uomo è stato costretto a ricorrere alle cure dei medici. Diverse le lesioni riportate e anche abbastanza serie visto che la prognosi è di trenta giorni.
Dell’accaduto è stata informata la questura che ha ricostruito l’accaduto, scoprendo che i due ragazzi avevano già a carico precedenti di polizia per ubriachezza e molestia.
Ultimate le formalità del caso, nei confronti di entrambi è stato emesso il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per i prossimi tre anni nel Comune dove ha sede il night club. Nelle scorse ore i provvedimenti sono stati notificati loro dagli agenti dell’Anticrimine.
Un terzo foglio di via è stato invece emesso nei confronti di un altro giovane di 19 anni, nato a Roma e domiciliato in Abruzzo. Il ragazzo, con precedenti di polizia per reati contro la persona e il patrimonio, era stato controllato mentre si aggirava per le vie del centro storico di Venafro. Qualcosa nel suo atteggiamento ha evidentemente insospettito gli agenti e quando lo hanno interrogato sulla sua presenza non ha saputo dare spiegazioni valide. Per questo è scattato il provvedimento a tutela preventiva della pubblica sicurezza.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.