Menù

Derby tra lupi, ma a mordere è quello molisano

Il Campobasso inaugura la stagione con una vittoria che convince e rianima lo spirito anche dei più diffidenti. Segna Leonardo Brenci e lo fa alla metà del secondo tempo facendo esplodere di gioia i circa 200 tifosi rossoblù che hanno colorato i gradoni del Dei Marsi. La prestazione degli uomini di mister Cudini è stata encomiabile per tutti i novanta minuti e di fronte c’era un avversario non di poco conto. L’Avezzano di mister Mecomonaco, proveniente da due vittorie consecutive in Coppa Italia, si presenta con un 4-4-2. Stesso modulo anche per mister Cudini che abbandona per una domenica il suo fedele 4-3-3. La novità è in difesa dove Candellori viene arretrato nel ruolo di terzino, sulla sinistra c’è Vanzan mentre al centro Menna e Pistillo. Quest’ultimo, campobassano classe 2001, risulterà essere la più grande sorpresa della giornata. Ma andiamo con ordine: passano 8 minuti e il Campobasso trova la prima azione da gol, Pizzutelli di prima trova Brenci che si smarca e tenta il destro che finisce a lato di poco. Al 15’ Bontà servito sulla sinistra da Alessandro lotta per conquistare la palla ma viene fermato da un difensore abruzzese. Passano cinque minuti e Pizzutelli su punizione prova il destro, palla a lato. Al 26’ pericoloso l’Avezzano con Franchi che sfugge alla marcatura sulla fascia sinistra e tira a girare, palla in out di un soffio. Alla mezz’ora grandissima occasione per il Campobasso: Bontà inventa un assist in pallonetto per Musetti che raccoglie in area e scarica il sinistro, il pallone sfiora il palo. Il Campobasso schiaccia i marsicani nella propria metà campo, Bontà servito da Alessandro prova il destro a giro dal limite dell’area ma la conclusione finisce in out. L’occasione più ghiotta del primo tempo arriva al 39’: cross millimetrico di Alessandro dalla sinistra, Zammarchi a un metro dalla porta riesce solo a sfiorare di testa ma non centra la porta. Al 44’ ancora rossoblù in attacco: Vanzan in area prova servire Musetti, anticipato al momento di calciare. I primi 45 minuti termina in perfetta parità. Nella ripresa la prima occasione è sempre di marca rossoblù: Pizzutelli su calcio piazzato mira la porta, palla bloccata da Fanti. In campo c’è solo il Campobasso, al 55’ ancora un sinistro di Vanzan che raccoglie di prima una palla vagante da un corner di Pizzutelli, conclusione alta sulla traversa. L’Avezzano prova a reagire e al 58’ arriva l’occasione su calcio di punizione. Quartana dai 25 metri fa partire un destro forte e preciso, la barriera sporca il pallone che sfiora il palo. Il Lupo potrebbe sbloccare il tabellino al 60’ quando Brenci è servito in area da Vanzan, per il centrocampista è un calcio di rigore in movimento ma la mira non è buona e la palla sfiora la traversa. Per Brenci l’appuntamento con il gol è solo rimandato, al 65’ Alessandro scarta un avversario e scodella un pallone illuminante per l’ex Taranto che questa volta non sbaglia e di piatto trova il palo più lontano gonfiando la rete. La reazione dell’Avezzano non si fa attendere e al 73’ Franchi impegna Natale che blocca la sfera in due tempi. Il Campobasso arretra il baricentro e l’Avezzano rischia di pareggiare. A meno di un quarto d’ora dal novantesimo Franchi si libera sulla sinistra e da posizione defilata mira al primo palo, Natale provvidenziale respinge con i piedi. Nei mimuti finali il Lupo ha l’occasione per raddoppiare: Vanzan dalla sinistra supera in tunnel un avversario e crossa in area ma nessun compagno riesce ad arrivare sul pallone. Dopo quattro minuti di recupero, dove il Lupo gestisce senza soffrire, l’arbitro decreta la fine. Esulta mister Cudini, esulta la Curva Nord, e così prende vita il primo abbraccio della stagione tra squadra e tifosi.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.