Menù

Black out nella notte, Venafro si risveglia con i rubinetti a secco

Black out nella notte, Venafro si risveglia con i rubinetti a secco

Dopo il violento temporale, black-out la scorsa notte a Venafro, che seppur di pochi minuti ha creato problemi per le condotte idriche, oltre a tutti i sistemi alimentati dall’energia elettrica, come i distributori di carburanti mandati in tilt per diverse ore.
La mancanza di energia elettrica ha coinvolto anche la pubblica illuminazione: non pochi quartieri sono rimasti al buio, causando problemi e disagi ai residenti e, soprattutto, alle persone anziane. Conseguenze più gravi per il sistema integrato delle acque gestito da Molise Acque. I pochi minuti di black-out hanno mandato in tilt il telecontrollo dell’azienda: disservizio che non ha consentito di verificare la tenuta dei serbatoi. E così, l’acqua è mancata in città per diverse ore, a tal punto da costringere il sindaco Alfredo Ricci ad emanare un’ordinanza di chiusura di tutte le scuole sul territorio «per un improvviso guasto sulla condotta idrica di questo comune comportante conseguentemente la mancanza di fornitura di acqua presso le scuole del comune capoluogo».
Il primo cittadino ha poi spiegato il fatto che «in ragione di tale inconveniente si rende necessario un intervento di manutenzione, come rappresentato per le vie brevi da Molise Acque, tale da richiedere la sospensione dell’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado di questo Comune, ad eccezione della scuola di Ceppagna in quanto alimentata da altra conduttura».
La sospensione delle attività didattiche dunque si è resa necessaria «per evitare i disagi e gli inconvenienti di carattere igienico-sanitario che la rappresentata deficienza nel servizio idrico comporterebbe». E così, i presidi, applicando l’ordinanza sindacale, hanno chiuso le scuole, mandando a casa i quasi duemila studenti che frequentano le lezioni presso i plessi cittadini, dall’infanzia alle superiori. Genitori costretti a riportarsi indietro i propri figli dai plessi di via Machiavelli, via Colonia Giulia e, a partire dalle ore 10,30, da via Maiella e via Del Carmine (edifici scolastici sedi degli studenti delle superiori).
Disagi, come abbiamo detto, anche per gli automobilisti che la scorsa mattina si sono trovati a fare i conti cin i distributori di carburante fuori servizio (problemi soprattutto per chi si è svegliato all’alba per andare a lavoro) e costretti a recarsi fuori città per fare il pieno, prima di andare a lavoro. Molise Acque ha ripristinato il servizio idrico nel giro di poche ore. Già intorno alle 11 di ieri mattina, tutto è ritornato nella normalità: l’acqua è ritornata nelle abitazioni civili e in tutti gli uffici pubblici, comprese le scuole.
Curiosità: nella prima mattinata di ieri diversi abitanti si sono recati alle Quattro Cannelle per rifornirsi della risorsa idrica.

Marco Fusco

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.