Menù

«Produciamo zafferano», vera eccellenza all’Itag San Pardo di Larino

Esponenti regionali del Movimento 5 Stelle ospiti lunedì scorso all’Itag San Pardo di Larino del progetto “Produciamo Zafferano”. Gli alunni dell’istituto tecnico agrario, coordinati dal prof. Matteo Lamanna hanno beneficiato del budget devoluto dai Consiglieri regionali 5 stelle molisani, mettendo a dimora un campo sperimentale di zafferano. «Siamo alla raccolta, al condizionamento dello Zafferano “San Pardo”, Abbiamo preparato gli studenti al loro futuro», riferisce una insegnante, così lunedì pomeriggio, alle 15, presenti Vittorio Nola e Patrizia Manzo. Hanno degustato i prodotti, l’olio evo molito nel frantoio didattico della scuola dove vengono selezionate le cultivar autoctone; la marmellata di zafferano, vino novello dell’azienda della scuola! «Grazie a chi ha creduto e crede nel futuro dei giovani molisani!», il messaggio lanciato da Annarita De Notariis. Feedback molto positivo dai rappresentanti istituzionali pentastellati. Patrizia Manzo, «Ho visitato orti e laboratori dell’Istituto Agrario di Larino, tra i 14 vincitori di #FacciamoScuola grazie a un progetto in collaborazione con il Liceo “F. D’Ovidio”. Qui si respira a fondo lo spirito che sta alla base del progetto del M5S, che io e Antonio Federico abbiamo fortemente voluto avviare in Molise con le nostre restituzioni. Ciò che ci stava davvero a cuore era scommettere sui nostri giovani, in un periodo in cui le scuole non ricevono le giuste attenzioni e i mezzi necessari a fare dei nostri ragazzi i professionisti del futuro. Accompagnata dal collega Vittorio Nola ho visitato tutte le aree interessate dalle attività che ho orgogliosamente contribuito a finanziare. L’Agrario di Larino è sorprendente: produce olio di altissima qualità e coltiva piante officinali. Con queste e con gli scarti della lavorazione dell’olio, i ragazzi riescono ad ottenere saponi, oli essenziali e creme corpo. Ma da quest’anno c’è un’interessante novità: nell’istituto frentano è partita la produzione sperimentale del cosiddetto “oro rosso”, lo zafferano. Per me è fondamentale che la scuola sia inserita in una più ampia filiera della conoscenza. Ed oggi ho scoperto che l’Istituto Agrario fa parte della rete di “agricoltori custodi“ dell’Arsarp che, preservando dall’inquinamento genetico i semi originali per almeno 50 anni, tutelano il nostro patrimonio agronomico. Credere nella scuola pubblica di qualità può dare delle enormi soddisfazioni. Lo sostengo da tempo e la visita di oggi a Larino ha rafforzato ancora una volta questa idea». Dello stesso avviso il collega Vittorio Nola. «Con Patrizia Manzo, il Preside, i docenti, il super agronomo e i giovani talenti all’Istituto San Pardo di Larino in occasione della raccolta dello zafferano prodotto sui terreni della scuola specialistica grazie al contributo M5S con o fondi Facciamo Scuola. 100 metri quadrati possono produrre circa 20 grammi di zafferano che al dettaglio possono valere anche 40 euro al grammo. Diamoci da fare con le produzioni agricole di qualità’, lo sostengo da sempre!»

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.