Menù

Campobasso, si spacciano per amiche della nuora e lo derubano

Campobasso, si spacciano per amiche della nuora e lo derubano

Ancora una truffa ai danni di un anziano a Campobasso. È accaduto ieri ad un 92enne che vive in via Piave. Il pensionato in mattinata si è recato in banca per prelevare 500 euro, poi è tornato a casa per pranzare insieme al figlio e alla nuora che poco dopo, lamentando di non sentirsi bene, ha deciso di riposarsi a casa del suocero. Anche l’anziano finito di pranzare, come è solito fare, è andato a dormire. Intorno alle 14.15 però qualcuno ha suonato alla sua porta: di fronte si è trovato due donne che, spacciandosi per amiche della nuora, gli hanno detto di essere passate per sincerarsi delle condizioni della donna. A quel punto il 92enne, convinto della buona fede delle due, le ha invitate ad entrare in casa. Approfittando di un momento di distrazione hanno frugato nel cappotto ed hanno rubato i 500 euro prelevati poco prima dall’anziano, i documenti, il portafoglio, un libretto per gli assegni e un mazzo di chiavi e sono andate via.
L’uomo non si è accorto di nulla ed è tornato a dormire. Solo qualche ora più tardi, dopo aver riferito l’accaduto alla nuora, che ovviamente non conosceva nessuna delle due donne, ha capito che si trattava di un raggiro. Sul posto sono arrivati gli agenti della Questura per i rilievi del caso, mentre la famiglia ha sporto denuncia in via Tiberio.
La Polizia per altro stava già monitorando una villetta abbandonata poco distante dall’abitazione dell’anziano, rifugio di tossicodipendenti. Possibile che le due malviventi frequentassero proprio quella villetta e sapessero dove e quando colpire. Sapevano che il 92enne era appena stato in banca, sapevano che a pranzo erano ospiti figlio e nuora. Insomma, elementi che fanno pensare ad un colpo studiato.
Per altro la scorsa settimana anche la sorella del 92enne ha subito un tentativo di raggiro sempre da due donne, forse le stesse che ieri invece hanno messo a segno il colpo. Sul caso sono in corso le indagini della Polizia.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.