Menù

A Campobasso gli Stati Generali delle donne del Molise

A Campobasso gli Stati Generali delle donne del Molise

Si svolgerà a Campobasso il 17 aprile nell’istituto Pilla di via Veneto l’atteso evento ‘Gli Stati Generali delle donne in Molise’, incontro aperto al pubblico per confrontarsi in vista di Expo 2015 e della conferenza mondiale delle donne ’Pechino vent’anni dopo ’ che si terrà a Milano a settembre.

Un fiume di energie al femminile per affermare i diritti delle donne nel lavoro e in tutti gli ambiti della quotidianità, diritti talvolta calpestati e non riconosciuti che vanno riaffermati con forza.

Ospite d’eccezione sarà il vice presidente del Senato Valeria Fedeli, per riaffermare il ruolo della donna che con le proprie competenze può aiutare il paese a uscire dalla crisi.

Una nuova economia di valori: la proposta di base degli Stati Generali delle donne. Non più conciliazione, ma affermazione dei propri diritti.

“Le donne – hanno detto le componenti del comitato d’onore costituito appositamente per l’evento – possono dare il loro contributo per rialzare il destino del nostro paese e si uniscono trasversalmente per offrire soluzioni e presentare progetti utili, alcuni già avviati, altri da avviare”.

Un confronto spontaneo, aperto al pubblico che prevede incontri permanenti come già avvenuto a Roma lo scorso 5 dicembre e che si svolgeranno anche in Molise per approntare uno scambio di esperienze significative su differenti temi che verranno pubblicati on line per dare spazio e voce alla componente femminile.

Gli Stati Generali in Molise sono stati voluti fortemente dalla consigliere di parità della regione Giuditta Lembo: “Ho ritenuto opportuno coinvolgere le istituzioni nazionali – ha detto nel corso della conferenza stampa – e per questo il 17 aprile sarà con noi il vice presidente del Senato Valeria Fedeli. Non si tratta di un convegno, ma di un dibattito, una platea che viene offerta alle donne e agli uomini per risolvere le tante problemi che ancora oggi interessano l’universo femminile: il lavoro, l’occupazione, la retribuzione salariale, l’inclusione sociale, l’integrazione e, non ultimo, l’alimentazione che è il tema principale di Expo 2015”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.