Menù

Don Milani, doppi turni e proteste

Don Milani, doppi turni e proteste

E’ ufficiale: il consiglio monotematico sulla ‘Don Milani’ e sull’edilizia scolastica cittadina si terrà il prossimo 3 novembre. E’ stata accolta la richiesta – bipartisan – di undici consiglieri comunali: partita da Francesco Pilone e Maria Laura Cancellario, l’iniziativa è stata sottoscritta anche da Michele Scasserra, Alessandro Pascale, Alberto Tramontano, dagli esponenti del Movimento 5 Stelle (Simone Cretella, Paola Felice, Roberto Gravina e Luca Praitano) e da due rappresentanti della maggioranza, Michele Ambrosio e Sabino Iafigliola. La seduta è stata richiesta «per capire con chiarezza gli intendimenti del sindaco e della giunta sulla questione, senza escludere l’elaborazione di un documento di indirizzo da sottoporre all’approvazione dell’assise civica per risolvere la problematica creatasi».

Intanto, i genitori dei bambini della Don Milani non si arrendono. Domani mattina dalle 10 si ritroveranno al gazebo allestito davanti al Municipio per un sit-in di protesta. Malumori che vengono esplicitati anche in una nota stampa: «Ribadiamo con forza il nostro dissenso alla imposizione di doppi turni senza aver preventivamente individuato una soluzione per la nuova sede dove trasferire i bambini ed aver dato loro l’indicazione dei tempi certi in cui avvenga». Spiegano con un messaggio accorato che «l’imposizione di turni pomeridiani scolastici comprimono, se non addirittura cancellano, i diritti dei bambini privandoli delle loro primarie esigenze. È compito di un genitore lottare per il riconoscimento di un diritto legittimo; è dovere di un padre o di una madre proteggere il proprio figlio dalla ‘ingiustizia’ che impedisce loro l’esercizio di un diritto che non sono in grado di affermare autonomamente». Infine, accusano l’amministrazione Battista che «da circa tre anni conosceva eventi e situazioni conosciute» ma «il Comune non ha fatto nulla in questi anni per risolvere o anticipare la gestione dell’emergenza, continuando a dettare proclami di buone intenzioni». Dopo le vacanze di Natale, dunque, i bambini dovranno avere una nuova sistemazione e tornare a vivere una vita ‘normale’.

Tutti i dettagli domani su Primo Piano. 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.