Menù

Parte il tour de force per la legge elettorale, niente seggi senza il 5%

Parte il tour de force per la legge elettorale, niente seggi senza il 5%

«Quando si vota? Non è un problema da discutere adesso. La domanda giusta è ‘quando si vota la legge elettorale?’ e io rispondo entro la prima settimana di luglio».
Alla direzione nazionale del Pd, la prima dopo il suo ritorno alla guida del partito, Matteo Renzi detta il cronoprogramma. Non è contento di quella che chiama già «la nuova legge». Non è la sua ma registra «una significativa convergenza tra FI, M5S, la Sinistra di Fratoianni e anche la Lega». Su cosa? «Sul sistema tedesco e i suoi elementi inamovibili – la soglia del 5% e il nome scritto sulla scheda. Quindi la vogliamo perché accettiamo una sorta di pacificazione istituzionale con il 90% cento dei partiti italiani».
Fin qui le certezze sul sistema elettorale che all’improvviso prende forma concreta. Roma voterà come Berlino. E probabilmente insieme a Berlino, in autunno. Il che non è piaciuto alla minoranza orlandiana. In 31, fra i componenti dell’area che fa riferimento al Guardasigilli, hanno bocciato l’ipotesi di voto anticipato: «Puntare ad un ritorno alle urne in autunno, subordinando a questa scelta la legge elettorale, rischiando l’esercizio provvisorio di bilancio… significherebbe assumersi la gravissima responsabilità di un salto nel buio», hanno scritto i dissidenti. Frizioni serie anche con Ap di Alfano.
Da quanto già trapela il sistema tedesco modificato per la Camera funzionerebbe così: 303 deputati sarebbero eletti in collegi uninominali, col maggioritario dunque. Sulla scheda, il nome del candidato che Pd, M5S, Forza Italia propongono ai cittadini. Altri 303 onorevoli entrerebbero a Montecitorio col proporzionale puro: un listino bloccato di candidati (da 4 a 6) tra cui scegliere. Altri 24 fra estero, Val d’Aosta, Trentino Alto Adige. I seggi verrebbero attribuiti solo ai partiti che superano il 5% dei voti a livello nazionale.
Ancora è molto presto per capire come funzionerebbe sul territorio. Per il Molise è circolata in queste ore l’ipotesi di due collegi uninominali (ai tempi del Mattarellum erano tre). Una simulazione elaborata dal prof D’Alimonte (il padre dell’Italicum) per Il Sole 24 Ore e pubblicata ieri anche dal Messaggero dà l’idea di come sarebbe composta la Camera in base agli ultimi sondaggi: al Pd col 29% dei voti proporzionali andrebbe il 35% dei seggi, 217 deputati (ppiù o meno lo stesso risultato per M5S), a Forza Italia col 12,4% una novantina di deputati (il 14,9% dei seggi).
L’accordo, di fatto raggiunto, tra Forza Italia e Pd. «Durante l’incontro tra il Partito democratico e Forza Italia in merito alla riforma della legge elettorale, i capigruppo Dem e `azzurri´, Rosato, Zanda, Brunetta e Romani, hanno concordato – si legge in una nota del gruppo FI alla Camera – un calendario dei lavori per le prossime settimane». Oggi verrà presentato in commissione Affari costituzionali a Montecitorio il maxiemendamento Fiano al testo base; domani inizieranno le votazioni in Commissione; il nuovo testo base arriverà in Aula alla Camera lunedì 5 giugno, e qui verrà approvato nel più breve tempo possibile; il testo licenziato dalla Camera arriverà al Senato, dove la nuova legge elettorale verrà approvata in modo definitivo entro la prima settimana di luglio».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.