Menù

Dopo un mese e mezzo ritrovato Andrea Del Piano, era scomparso da Termoli

Dopo un mese e mezzo ritrovato Andrea Del Piano, era scomparso da Termoli

A distanza di un mese e mezzo si è risolto il mistero della scomparsa del 36enne romano Andrea Del Piano, il turista disabile che si allontanò nel pomeriggio del 4 agosto dal residence Pollice di Termoli, sul litorale Nord. Fino a pochi giorni fa la città era stata tappezzata dei messaggi e delle foto di Andrea. Il 36enne è ricomparso a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano. E’ stato raggiunto dalla sorella, partita da Roma, che l’ha così ricondotto a casa. Era in discrete condizioni. A trovarlo è stata la polizia a Sesto San Giovanni. Domenica pomeriggio una ragazza di 26 anni che aveva saputo della sua scomparsa attraverso la nota trasmissione televisiva Chi l’ha visto? lo ha riconosciuto mentre si aggirava in stato confusionale davanti a un supermercato in via Picardi. Del Piano è stato riportato a casa ed ha potuto riabbracciare i suoi cari che durante il mese in cui non avevano sue notizie erano disperati ed avevano temuto il peggio. Ormai da quasi sette settimane fa, da quel venerdì 4 agosto, il 36enne turista con problemi di disabilità aveva fatto perdere le sue tracce. Disperati gli appelli dei familiari, finanche estesi in Molise, Abruzzo e Lazio, di Andrea nessuna notizia per un mese e mezzo. Il 25 agosto venne riunita la task-force di tutti i corpi di polizia e di soccorso, per avviare ricerche mirate di Andrea nella zona della pineta di Petacciato. Non aveva appresso nessun cellulare e gli unici tratti distintivi erano un cappellino con visiera e uno zainetto che portava sempre sulle spalle. Questa la sua descrizione: “Andrea Del Piano è biondo, alto un metro e 40, corporatura normale. Il suo occhio sinistro è malato e non funziona: è un importante segno di riconoscimento, visto che non aveva la protesi. Non ha né bancomat né carte di credito, e non ha con sé le medicine che avrebbe dovuto prendere su indicazione medica”. Descrizione che è servita alla ragazza che l’ha riconosciuto a Sesto San Giovanni. Meno male.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.