Menù

Rinviato il sipario sul mandato. Il Palazzo archivia l’election day

Rinviato il sipario sul mandato. Il Palazzo archivia l’election day

Se le elezioni fossero indette in queste ore per il 4 marzo, alla presentazione delle liste mancherebbero solo dieci giorni. Chi è pronto? In realtà forse nessuno o quasi.
La seduta del Consiglio di ieri, chiusa con il varo del bilancio dell’Assemblea e la discussione sul Documento di economia e finanza, certifica che non si voterà il 4 marzo. Per provarci, ci sarebbe stato bisogno di correggere la legge elettorale come chiesto da Palazzo Chigi e abbassare la soglia per le coalizioni dal 10 all’8%. L’emendamento, ha annunciato il governatore Frattura rispondendo in Aula a Iorio e Totaro che chiedevano di discutere prima del bilancio l’odg che lo impegna a indire con immediatezza le elezioni, è pronto e sarà presentato al ddl che reca ‘disposizioni collegate al bilancio’. Un documento a cui sono giunti numerosi emendamenti per tutto il pomeriggio di ieri. Ma che proprio per questo non è stato poi discusso. Tutto rinviato, anche il correttivo alla legge elettorale regionale, a sabato.
L’ex presidente Niro (Popolari per l’Italia) ha attaccato: si sta consumando un danno grave con il rinvio del voto. Per lui la nota del sottosegretario Bressa è una «nota familiare» non un avviso di impugnativa, dunque si può votare con la legge in vigore. Sono andati giù pesante anche Totaro (Mdp) e Scarabeo (Pd). Così pure Federico per M5S. Alla fine, in 11 (compresi il presidente Cotugno e il consigliere Micone sotto i riflettori perché ‘sospettati’ di aver lasciato già Frattura in vista delle regionali) hanno detto no all’anticipazione dell’odg sulla data del voto. Dieci i favorevoli, che non sono bastati.
«I cittadini saranno costretti a pagare oltre due milioni di euro in più. Non solo. Questo voto vorrà dire qualche decina di migliaia di euro in più per i consiglieri regionali (non per i nostri portavoce che da sempre si tagliano lo stipendio) e qualche mese in più di spese per l’intera macchina amministrativa, ovviamente di soldi pubblici», il commento dei 5 Stelle. E Iorio resta della sua opinione: «Prevale l’interesse personale su quello dei molisani. Vista la diaspora nel Pd e la confusione di una parte del centrodestra, è molto meglio sperare “nell’aiutino” di qualcuno una volta definita la situazione nazionale».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.