Menù

Sulla facciata del Comune sventola la bandiera rainbow, a Campobasso è il giorno del Pride

È il giorno dell’orgoglio Lgbt, è il giorno del Molise Pride. Questo pomeriggio il corteo prenderà il via da piazza Cuoco alle ore 16, per sfilare lungo corso Vittorio Emanuele fino a piazza della Vittoria.
Intanto ieri sulla facciata di Palazzo San Giorgio è stata esposta la bandiera arcobaleno in segno di vicinanza e sostegno. Un gesto molto apprezzato dal presidente dell’Arcigay Luce Visco che a nome di tutta l’associazione ha voluto ringraziare il sindaco di Campobasso Roberto Gravina e l’assessore alla Cultura Paola Felice «per il sostegno alla manifestazione e la sensibilità espressa sul tema dell’omotransfobia».
Nel frattempo aumentano le adesioni all’iniziativa. Anche la segreteria molisana della Camera del Lavoro si è schierata al fianco del Molise Pride con convinzione ed entusiasmo ribadendo che «quando si parla di diritti noi ci siamo e forte è la passione, l’allegria e il colore per rivendicare i diritti. Noi, che da sempre combattiamo le ingiustizie, siamo consapevoli che per vincere questa battaglia culturale dobbiamo muoverci tutti insieme, in modo trasversale, sui luoghi di lavoro e nel campo dei diritti civili.
La segreteria è convinta che è sempre importante esserci, e quest’anno lo è ancora di più, per contrastare il clima di regresso che si percepisce in certe dichiarazioni di politici in perenne campagna elettorale.
Dichiarazioni pericolose e inaccettabili che minacciano i diritti di uomini, donne e soprattutto bambini.
I diritti civili insieme a quelli sociali danno una connotazione di progresso netta e precisa ai paesi che li adottano.
Il loro consolidamento segna una cultura democratica che si rafforza accrescendo la fondamentale coesione dei cittadini.
Perciò i diritti non vanno solo conquistati, vanno difesi e sostenuti, per questo saremo a fianco delle tante e dei tanti attivisti, delle famiglie arcobaleno, della comunità delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, asessuali ed eterosessuali, di tutti coloro che hanno a cuore i diritti civili e il progresso sociale.
L’amore non ha un solo colore, ma li contiene tutti in un arcobaleno che abbraccia il diritto di ciascuno a esistere e ad essere rispettato».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.