Menù

Indennità, vincono le guardie mediche: no alle decurtazioni

Indennità, vincono le guardie mediche: no alle decurtazioni

La Corte d’Appello di Campobasso ha dichiarato illegittime le decurtazioni delle indennità dei medici di continuità assistenziale (ex guardia medica) disposte con decreto 28 del 2012 dall’allora commissario della sanità e presidente della Regione Molise Michele Iorio.
L’appello, presentato da due medici di continuità assistenziale difesi dagli avvocati Claudia Candeloro e Stefano Grondona del foro di Bologna, evidenziava come nessuna decurtazione stipendiale dei medici convenzionati potesse avvenire al di fuori di una contrattazione collettiva con i rappresentanti per gli stessi e, pertanto, chiedeva che fosse dichiarata illegittima la diminuzione delle indennità disposta esclusivamente per decreto dal presidente della Regione.
Argomentazioni accolte dal collegio presieduto da Vincenzo Pupilella che con dispositivo del 15 novembre ha, di conseguenza, disposto a favore delle appellanti la restituzione delle indennità illegittimamente trattenute dall’Asrem dal 1° luglio 2012 a tutt’oggi.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.