Menù

Ascensore fuori uso da luglio, giovane disabile di Ripalimosani relegato in casa

Oggi vi raccontiamo la storia di Michele, ragazzo disabile di 38 anni, che vive insieme alla madre 80enne a Ripalimosani, al 2° piano della palazzina Iacp in via Pertini.
Michele, costretto su una sedia a rotelle a causa di una malattia che lo accompagna dalla nascita, è riuscito negli anni, con sacrificio e grinta, a ritagliarsi i suoi spazi di autonomia per condurre una vita il più possibile ‘normale’, al pari dei suoi coetanei.
Succede, però, che circa 5 mesi fa l’ascensore del condominio in cui abita subisce un guasto. “Un piccolo disservizio”, avrà pensato, che non gli permetterà di uscire per un paio di giorni. E invece, da quel disguido, passano ben 5 mesi e l’ascensore, unico strumento che gli consente di accedere al ‘modo esterno’ in totale autonomia, è ancora fuori servizio. O meglio è stato riparato a novembre ma necessita ancora di collaudo.
Ma andiamo per ordine: Michele quasi ogni giorno, soprattutto quando fuori è bel tempo, esce da solo o in compagnia, con la sua carrozzina elettrica, per compiere piccole commissioni, come ad esempio la spesa. La sua è una disabilità molto grave che necessita di assistenza anche per le cose più semplici e spesso ad aiutarlo è l’anziana mamma che vive con lui.
Nonostante i suoi problemi la grande volontà di Michele gli ha sempre permesso di ‘superare’ i suoi limiti.
Purtroppo, però, da quando l’ascensore si è rotto Michele è praticamente ‘murato’ nella sua stessa casa. La mamma, infatti, non può trasportarlo per due piani da sola. Le sorelle di Michele lavorano full time quindi è raro che riescano ad accompagnarlo tutti i giorni fino al piano terra per permettergli di svolgere i suoi servizi, mentre il fratello vive fuori città. Una situazione ormai al limite e per la quale Michele e la sua famiglia richiedono interventi tempestivi: «La riparazione dell’ascensore – spiega la famiglia – è stata effettuata il 21 novembre ma è in attesa di collaudo. Prima se ne occupava l’Arpam ora però ad effettuare il collaudo dovrebbe essere un ingegnere nominato dallo stesso istituto. Nomina che ad oggi non è ancora stata fatta».
Oltre al danno la beffa, dunque.
Cioè, anche se l’ascensore è stato riparato, non può essere utilizzato senza collaudo.
Così Michele, purtroppo, continua a guardare il mondo esterno da una finestra: «È vergognoso aspettare 5 mesi per una riparazione che mi costringe a restare in casa – ci confida amareggiato – non sto chiedendo l’elemosina ma semplicemente un diritto!».
serena lastoria

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.