Menù

L’irruzione artica punta sull’Italia, in arrivo freddo e neve a bassa quota

L’irruzione artica punta sull’Italia, in arrivo freddo e neve a bassa quota

Caldo ‘anomalo’ addio: il generale inverno fa il suo ingresso ufficiale portando con sé freddo e neve anche a bassa quota su gran parte d’Italia. A confermarlo gli esperti di 3bmeteo.com.
«Un impulso di aria fredda per il momento ancora oltre il circolo polare artico sta scendendo rapidamente di latitudine agevolata da un blocco del flusso atlantico. L’alta pressione responsabile di questo temporaneo arresto delle correnti oceaniche manterrà i suoi massimi tra l’Inghilterra, la Francia e il Mediterraneo occidentale puntando sempre più verso nordest nell’arco dei tre giorni oggi, domani e domenica. Questa rotazione dell’asse anticiclonico favorirà la discesa dell’aria fredda in moto retrogrado dal Mare di Barents verso sudovest con obiettivo la Russia, l’Europa orientale, i Balcani e infine anche parte della nostra Penisola, segnatamente le regioni del medio e basso versante adriatico e l’estremo Sud. Atteso quindi sull’Italia un consistente calo delle temperature e anche l’arrivo di un fronte di instabilità che dato il raffreddamento potrà portare la neve fino a bassa quota.
Le previsioni di oggi: al Nord giornata nel complesso soleggiata salvo annuvolamenti stratiformi anche compatti ma solo al mattino e qualche debole nevicata sulle Alpi orientali ma prevalentemente oltre confine in rialzo dai 400-500 metri fino ai 1100 metri. Tra la sera e la notte nubi in aumento su basso Veneto ed Emilia Romagna, non escluso qualche breve piovasco in Romagna. Al Centro nubi medio alte stratificate al mattino in dissolvimento per le ore centrali, nel pomeriggio qualche piovasco in arrivo sulla Sardegna mentre tra la sera e la notte peggiora tra Marche, Abruzzo e Appennino con rovesci, locali temporali e neve fino a 800 metri. Sud nubi medio alte stratificate e ampi spazi soleggiati specie dal pomeriggio. Tra sera e notte peggiora su Molise, Puglia e dorsale appenninica con rovesci, locali temporali e nevicate fino 800-900 metri in calo. Temperature, stabili nei valori massimi, in sensibile calo in quelli minimi. Venti in graduale rinforzo dai quadranti settentrionali, fino a forti la notte lungo l’Adriatico. Mari, poco mossi, tendono a mossi fino a molto mossi i bacini orientali.
Meteo weekend: Al Nord, bel tempo prevalente su Alpi e Prealpi, locali annuvolamenti in pianura, specie tra Emilia Romagna e basso Piemonte ma senza fenomeni. Al Centro variabile a tratti instabile il sabato su basse Marche e Abruzzo con locali precipitazioni nevose dai 300-600 metri, soleggiato su tirreniche e Sardegna. Domenica ancora con qualche nota instabile in Abruzzo e neve fino a quote basse, più soleggiato altrove. Al Sud, tutto il weekend sarà caratterizzato da instabilità lungo l’Adriatico, sulla dorsale appenninica, sulla Sicilia settentrionale e la zona ionica con piogge intermittenti e rovesci nevosi fino a quote collinari, anche sotto i 300-400 metri tra Molise, Campania, Basilicata e Puglia settentrionale. Temperature in ulteriore calo al Sud e sulle regioni adriatiche. Venti forti settentrionali con mari molto mossi, anche agitati basso Adriatico, Ionio e basso Tirreno.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.