Menù

Isernia Capitale della Cultura 2021: c’è il sostegno dei sindaci

Isernia Capitale della Cultura 2021: c’è il sostegno dei sindaci

Una sfida che, con il passare dei giorni, si fa sempre più avvincente e che sta creando grande fermento. Ma per consentire a Isernia di aggiudicarsi il titolo di Capitale italiana della Cultura 2021 è davvero necessario un enorme lavoro di squadra perché, ottenere il riconoscimento del Mibact, potrebbe rappresentare un’occasione preziosa per il rilancio di tutta la provincia e dell’intero Molise. Per questo, si moltiplicano le manifestazioni di sostegno da parte dei centri del territorio. Dopo Macchia d’Isernia e Macchiagodena, anche Roccamandolfi ha ufficializzato il suo supporto alla candidatura. Lo ha fatto con apposita delibera di Giunta comunale. «L’amministrazione crede da sempre – ha affermato il sindaco di Giacomo Lombardi, che la cultura rappresenti uno di quei settori strategici e fondamentali per la crescita ed il riscatto dei nostri territori. La candidatura della città di Isernia deve essere la candidatura di una intera provincia e di una intera regione, che insieme vogliono alzare l’asticella dei propri obiettivi per il raggiungimento di traguardi ambiziosi. A prescindere da quello che sarà il risultato finale – ha detto infine il sindaco -, la candidatura di Isernia, rappresenta sicuramente un momento di forte e sana consapevolezza delle enormi potenzialità, ad oggi ancora inespresse, che il nostro territorio possiede, ma allo stesso tempo deve anche rappresentare un momento di seria e profonda riflessione, scevra da pregiudizi di alcun genere, per quelle enormi criticità, che la nostra terra deve superare con una rinnovata lungimiranza politica e con una programmazione strategica di lungo periodo non più rinviabile».
E, come annunciato nei giorni scorsi, Macchia d’Isernia è pronta a fare la propria parte in questo percorso progettuale. Per questo motivo ieri mattina il sindaco, Giovanni Martino e il presidente del Consiglio Comunale, Michele Mariani, hanno incontrato Eugenio Kniahynicki, assessore al Marketing territoriale del Comune di Isernia, per fare il punto delle iniziative da programmare. Due sono i tratti distintivi su cui l’amministrazione ha insistito: rafforzamento dell’immagine di “Macchia Città del Vino” e promozione dello storico festival musicale “Macchia Blues”, attorno ai quali verrà strutturata la collaborazione con Isernia. «Il concetto è di riempire di nostri contenuti – ha evidenziato l’amministrazione – la “vetrina” offerta dalla città».
Molto attivo, da qualche settimana, anche il gruppo Facebook nato proprio a sostegno di Isernia Capitale della Cultura. Un luogo di incontro e confronto in cui i cittadini si scambiano opinioni e lanciano idee utili per il raggiungimento dell’obiettivo. A breve – hanno annunciato gli amministratori del gruppo – verrà organizzato un incontro all’auditorium con la presenza di grandi personalità.
Si lavora senza sosta dunque, per superare il primo step, quello fissato per il 2 marzo. Entro quella data infatti, le 43 località italiane in gara, dovranno presentare i dossier di candidatura, che poi verranno esaminati da una giuria di 7 esperti per arrivare entro il 30 aprile ad una prima scrematura di un massimo di 10 progetti finalisti da invitare in audizione.

Deborah Di Vincenzo

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.