Menù

Rinascita di Villa de Capoa grazie al parco inclusivo, lavori terminati

I lavori sono praticamente terminati. A breve il parco giochi inclusivo di Villa de Capoa sarà inaugurato. Il progetto è nato durante la consiliatura Battista che ha accolto la proposta del Rotary Club di Campobasso e del Cdh Cnis.
La città aveva bisogno di un parco in cui la disabilità non rappresentasse un limite e dove i bambini si sentissero liberi di giocare in maniera spensierata senza ostacoli, né barriere.
Del resto neppure le condizioni del ‘polmone verde’ erano delle migliori e così amministrazione e associazioni hanno deciso di unire le forze per realizzare un luogo di aggregazione e di inclusione destinato a bambini con difficoltà o esigenze particolari.
Le risorse sono state reperite grazie a sponsor provati ma soprattutto ad una serie di eventi culturali di beneficenza organizzati negli ultimi anni dal Rotary Club. Donazioni che hanno dato i loro frutti. Il parco sarà gestito dal Cnis di Campobasso che da circa 20 anni opera sul territorio per promuovere la cultura della diversità e dell’inclusione.
«Ci occupiamo della disabilità a 360 gradi – le parole di Cinzia Angiolillo durante la presentazione del progetto – e crediamo molto in questa iniziativa. A Campobasso purtroppo registriamo ancora tante diffidenze e difficoltà in questo settore».
Il progetto fa parte del più ampio programma dell’assessorato all’Urbanistica – guidato dall’ex titolare Bibiana Chierchia – di riqualificazione e trasformazione di Villa de Capoa, con un’area giochi dotata di strutture e postazioni, senza barriere di sorta, utilizzabili da qualsiasi bambino della città. Il taglio del nastro del parco era previsto per la primavera dell’anno scorso, ma i ritardi nel reperimento delle risorse hanno fatto slittare l’inaugurazione di circa un anno.
Ora, però, l’attesa sembra davvero terminata.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.