Menù

«Ciao nonna» e la truffa si consuma a Termoli

«Ciao nonna» e la truffa si consuma a Termoli

Un sabato mattina orribile quello vissuto da due anziani, in un quartiere periferico di Termoli. Purtroppo, nonostante i continui inviti a stare attenti alle truffe, c’è chi non riesce a contrastarle. E’ avvenuto intorno al mezzogiorno di venerdì nella zona vicina al centro commerciale La Fontana. Una pensionata, che abita col marito ultraottantenne e una figlia, ha ricevuto una telefonata sul fisso da un giovane che si è spacciato per il nipote che abita fuori sede. Il furfante è riuscito a simulare la voce del vero congiunto, asserendo che avendo acquistato un nuovo personal computer particolarmente costoso e per il quale ha versato un acconto di 500 euro, ha chiesto alla donna di prestare 1.300 euro. Una richiesta esorbitante, alla quale l’80enne non poteva far fronte e allora il bastardo di turno le ha detto che poteva anche pareggiare il debito con preziosi e gioielli. Una condotta sicuramente truffaldina, ma quando vengono presi di mira gli anziani, facendo leva sui loro affetti, c’è chi ci cade a piene mani. Nel giro di appena mezz’ora c’è chi ha citofonato all’appartamento ubicato al quinto piano, è stato fatto salire e gli è stato consegnato un piccolo tesoro di preziosi del valore di mille euro e 100 euro in contanti. Solo successivamente, con il confronto con la figlia assente al momento della truffa, la nonna si è accorta di cosa fosse accaduto. Nel pomeriggio era stata già presentata la denuncia alla stazione Carabinieri di Termoli. Nel pacco c’era una stufetta.
Emanuele Bracone

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.