Menù

Venafro, bagni chiusi in stazione: pendolare la fa vicino ai binari

È stato suo malgrado immortalato, con tanto di foto e video, il “malcapitato” che l’altra sera ha avvertito l’impellente esigenza di espletare dei bisogni fisiologici a pochi passi dai binari, mentre altri pendolari attendevano il passaggio del treno. Premesso che l’opportunità di defecare o meno in “pubblico” è una questione a parte – seppure, chiaramente, non secondaria -, ciò che rileva è il disservizio che da mesi ormai si registra alla stazione ferroviaria di Venafro. Da quando ha chiuso il bar, infatti, per gli utenti delle Ferrovie è impossibile poter adempiere alle esigenze fisiologiche.
Quando era aperto il bar, la soluzione – come recita ancora oggi il cartello affisso dalle Ferrovie dello Stato – era chiedere la chiave dei bagni al personale dell’attività commerciale. Dal momento in cui, però, l’attività ha abbassato per sempre la saracinesca, il problema è esploso.
Non è la prima volta, in realtà, che vengono segnalati casi di espletamento di servizi fisiologici in luoghi inopportuni: in passato, infatti, c’è stato chi ha defecato praticamente a ridosso dei binari, proprio davanti alla porta dei bagni della stazione. Il caso dell’altra sera, comunque, non è da meno. Con l’’aggravante’ che ad attendere il treno c’erano anche donne e bambini, che hanno dovuto loro malgrado assistere alla scena.
Al di là del fatto che è inaccettabile decidere di svolgere i propri bisogni fisiologici in pubblico, va detto anche che chi non è di Venafro magari non sa che nei paraggi della stazione, anche se ad almeno 150 metri, ci sono bar ed altre attività commerciali, e quindi si comporta (male) di conseguenza.
La questione è che Ferrovie, il Comune o chi per esso, come sottolineato dagli allibiti spettatori della scena, dovrebbe garantire la presenza di bagni pubblici, volendo basterebbero anche quelli chimici.

Rp

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.