Menù

Operaio licenziato dopo la rissa, reintegrato alla Fca

Operaio licenziato dopo la rissa, reintegrato alla Fca

Licenziato dalla Fca, reintegrato dal giudice. Viene coinvolto in una rissa in un bar di Termoli e la direzione Fca lo licenzia arbitrariamente.
A reintegrare un operaio di Montemitro, difeso dagli avvocati Romeo Trotta, Valeria Cacchione ed Erika Cieri, è stato il giudice del lavoro del Tribunale di Larino. Il magistrato Silvia Cucchiella ha accolto la tesi difensiva dei tre legali che hanno evidenziato come il lavoratore si sia limitato a difendersi e che tale procedimento non ha arrecato alcun danno d’immagine all’azienda; di contro l’illegittimo licenziamento metteva a rischio il futuro economico dell’operaio e dei suoi familiari. Il giudice, quindi, ha condannato lo stabilimento Fca all’immediata reintegrazione dell’operaio ed al risarcimento dei danni. Il 47enne era stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio dagli agenti della Polizia di Stato nella tarda serata di sabato 11 maggio a Termoli, a margine di una drammatica vicenda di cronaca, una lite con accoltellamento nella serata di sabato, intorno alle 21, a Termoli in un locale di contrada Casa la Croce. Un 34enne di Termoli, A. D. L., è stato ferito al collo dal 47enne e sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 e gli agenti della Polizia di Stato.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.