Menù

Il Club alpino Campobasso scala la vetta della solidarietà

Il Club alpino Campobasso scala la vetta della solidarietà

Anche il Club alpino italiano, sezione di Campobasso, è sceso in campo con un grande gesto di solidarietà per combattere il codiv-19. «L’emergenza coronavirus sta mettendo in discussione molti punti fermi della nostra quotidianità e, come sapete, il Direttivo – evidenziano i membri del Cai Campobasso – ha sospeso tempestivamente tutte le attività sociali. Le montagne sanno aspettare e non volevamo certo rischiare di gravare sul sistema sanitario pubblico, già stressato, anche con un nostro eventuale infortunio. Nondimeno, siamo convinti che il peso di questa asocialità forzata possa risultare più leggero se riusciamo a praticare, tra di noi, gesti di condivisione e vicinanza. Siamo abituati, (anche) in quota, a cercare e a dare conforto ai nostri compagni di avventura sentendoci, non solo figurativamente, un’unica cordata, certi degli altri e responsabili di chi è legato a noi.
Anche ora ci sentiamo legati. Per questi motivi, il Consiglio Direttivo ha deciso di destinare una parte delle risorse della Sezione all’acquisto di materiale di immediata utilità e necessità segnalatoci dai reparti di terapia intensiva e malattie infettive dell’Ospedale Cardarelli, quelli più direttamente coinvolti dall’emergenza sul nostro territorio. Sicuri del contributo di tutti, soci e non soci, il Direttivo ha provveduto ad acquistare beni e dispositivi medici per un valore di 12.000 euro (mancano solo gli ultimi dispositivi) che sono stati, almeno in parte, già consegnati ai detti reparti ospedalieri.
Lanciamo, quindi, l’invito a supportare, secondo le proprie disponibilità, la Sezione in questo sforzo facendo un versamento sul conto della Sezione di Campobasso: IBAN: IT48J 02008 03805 000101589380 – Unicredit banca – Viale Mazzini – Campobasso, indicando nella causale “donazione per emergenza coronavirus” seguito da nome, cognome e codice fiscale del donante».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.