Menù

Campobasso, ancora tre positivi: il cluster della comunità rom schizza a 90 casi

Campobasso, ancora tre positivi: il cluster della comunità rom schizza a 90 casi

Il cluster della comunità rom di Campobasso ha raggiunto quota 90. Ieri il laboratorio analisi dell’Asrem, a fronte di 320 tamponi processati, ha infatti certificato la positività al Covid di altri 3 componenti. Riscontrati anche altri 3 casi in tutta la regione: due sono i parenti del paziente di Portocannone ricoverato qualche giorno fa nel reparto di Terapia intensiva, l’altro è un cittadino di Petrella Tifernina rientrato dal Nord e dunque già in quarantena.
Ci sono però, per fortuna, anche 13 guariti: tra loro un cittadino di Campobasso.
Intanto anche il capoluogo rientra tra i 51 comuni molisani selezionati da Istat, Croce Rossa e Ministero della Salute per l’indagine sull’estensione del Covid-19.
Sarà composto da cinquemila cittadini molisani il campione che verrà individuato tra i residenti dei centri interessati per poi essere sottoposto allo screening.
La popolazione che sarà contattata per l’analisi è suddivisa per fasce di età e attività professionale.
Nei prossimi giorni gli addetti della Croce Rossa contatteranno i cittadini selezionati per fornire tutte le informazioni sullo screening e per acquisire il consenso al prelievo di sangue necessario per i test, che sarà praticato dagli operatori sanitari dell’Asrem.
Si tratta quindi, per essere precisi, di uno studio finalizzato a determinare l’estensione dell’infezione da Sars Cov2 sul territorio nazionale e la prevalenza degli anticorpi per strati selezionati di popolazione.
«Come Amministrazione comunale accogliamo con favore questa notizia e questa iniziativa – ha dichiarato l’assessore alle Politiche Sociali, Luca Praitano – riteniamo che questo tipo di indagini scientifiche, condotte e organizzate con metodologie e scrupolosità indiscusse da soggetti come quelli che porteranno avanti questo progetto, possano essere il vero passo in avanti per la comprensione di alcune dinamiche di sviluppo e divulgazione del virus Covid-19 che, allo stato attuale, risulta essere per larga parte ancora da comprendere. Lo studio sieroepidemiologico, come ci è stato spiegato, potrebbe caratterizzare le differenze di sieroprevalenza tra le varie fasce di età, di localizzazione territoriale e professionale così da meglio comprendere le caratteristiche epidemiologiche e fornire importanti informazioni anche per l’identificazione di coorti target per la vaccinazione, quando disponibile.
È per questo che, come l’Asrem stessa ci ha chiesto di fare – ha concluso Praitano -, il Comune di Campobasso fornirà tutta la collaborazione necessaria per diffondere al meglio il messaggio e le finalità di un’operazione così qualificata, invogliando i cittadini che verranno selezionati ad aderire allo screening che, è bene ricordarlo, avrà una valenza ancora più importante in quanto vedrà coinvolte, su tutto il territorio nazionale, ben 150mila persone».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.