Menù

Isernia, si rifiuta di indossare la mascherina in un ufficio pubblico: sanzionato

Isernia, si rifiuta di indossare la mascherina in un ufficio pubblico: sanzionato

È entrato in un ufficio pubblico di Isernia e in barba alle regole – oltre che al buon senso – si è rifiutato di indossare la mascherina, così come previsto da un’apposita ordinanza firmata nei mesi scorsi dal sindaco d’Apollonio, per contrastare la diffusione del coronavirus. Un gesto costato caro all’isernino che è stato multato dai Carabinieri.
L’episodio è accaduto ieri mattina. Una pattuglia dell’Arma, allertata da una segnalazione giunta alla Centrale Operativa, si è recata all’interno dell’ufficio pubblico dove un uomo, ignorando le ripetute richieste dei dipendenti e dei numerosi utenti, si è rifiutato categoricamente di indossare il dispositivo di protezione individuale, obbligatorio in questi casi. I Carabinieri della Compagnia di Isernia, di fronte alla determinazione dell’uomo a non utilizzare la mascherina, gli hanno contestato la violazione delle norme anti-covid19 che prevedono una sanzione di 400 euro.
L’emergenza sanitaria legata alla diffusione del coronavirus non è ancora un capitolo chiuso. Per questo vanno avanti senza sosta i controlli dei carabinieri di Isernia, impegnati nello svolgimento dei servizi programmati dalla Prefettura per verificare il rispetto dei protocolli di sicurezza sottoscritti dal Governo e le parti sociali negli ambienti di lavoro e nei cantieri, integrati dalla verifica del rispetto della normativa sul contenimento del contagio da Covid-19. Nel corso degli ultimi giorni, hanno effettuato una serie di controlli che hanno portato a segnalare alla competente Autorità Giudiziaria un imprenditore isernino per la violazione della normativa in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro. L’uomo, che si è visto anche contestare una ammenda di 2.500 euro, aveva fornito ai suoi operai delle semplici scale portatili di tipo domestico, non conformi alla normativa, prive della possibilità di essere ancorate e molto pericolose per l’uso professionale.
Nonostante la comune percezione del pericolo nei confronti del virus si sia fortemente indebolita e tali comportamenti accennano ad aumentare, i controlli dell’Arma continuano con costanza per tutelare la salute dei cittadini e dei lavoratori che quotidianamente ringraziano i carabinieri per il loro impegno.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.