Menù

Impennata del virus, nove casi in Molise: i ricoveri salgono a 3

Impennata del virus, nove casi in Molise: i ricoveri salgono a 3

Il terzo ricovero della fase due dell’emergenza coronavirus in Molise è di un anziano che vive a Coste di Oratino.
È stato accompagnato dal 118 al Cardarelli perché accusava malessere. I problemi ai polmoni sono emersi dalla Tac, quindi il tampone che ha dato esito positivo. Il dipartimento di Prevenzione dell’Asrem ha avviato il tracciamento dei contatti anche per capire come l’uomo abbia contratto l’infezione Sars-Cov2.
Non è l’unica brutta notizia del 26 agosto: complessivamente sono 8 i nuovi contati diagnosticati dal laboratorio del Cardarelli, a cui si aggiunge quello riscontrato in Abruzzo su una pensionata di Fornelli che ora si trova in isolamento nella sua abitazione. Degli otto, uno è l’anziano di Campobasso ricoverato, due i casi di rientro dalla Croazia (a Campobasso e Ripalimosani), un altro collegato al cluster Grecia Campobasso (di Ferrazzano), positive inoltre madre e figlia arrivate a Isernia da Pavia e due persone di Montaquila e Macchiagodena tornate dal Lazio.
I casi attualmente positivi aumentano a 64, i tamponi processati nelle ultime 24 ore sono 342 (in totale 30.478). Tre i ricoveri al Cardarelli, per fortuna tutti a malattie infettive e nessuno in terapia intensiva. Sessantuno i casi trattati al domicilio. I soggetti in isolamento sono 117.
Il governatore Donato Toma invita quindi tutti alla massima prudenza. «Chi rientra dai quattro Paesi individuati dall’ordinanza di Speranza – quindi Croazia, Grecia, Malta e Spagna – si segnali all’Asrem attraverso la mail [email protected] E in generale chi torna in Molise da posti a rischio, e ritiene che ci sia anche solo la probabilità di essere entrato in contatto col virus, chiami comunque l’azienda sanitaria, potranno sottoporsi al test sierologico».
Prosegue lo screening sul personale scolastico. Boom di prenotazioni, ma l’azienda sanitaria ha segnalato alla Regione che diversi utenti prenotati non si sono presentati. «Ciò provoca arresti nella catena delle attività e nella organizzazione degli ambulatori. Pertanto, l’invito rivolto a coloro che si prenotano è quello di presentarsi all’appuntamento, salvo improcrastinabili motivi familiari o di salute, da comunicare tramite mail dedicata (nella sezione servizi online del sito asrem.gov.it, ndr)», è l’appello.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.