Menù

A Campobasso il Natale parte in anticipo e ha il ‘sapore’ dei Misteri

Ieri mattina gli operai si sono messi al lavoro e, dopo qualche ora, la città si è illuminata. L’amministrazione comunale ha giocato d’anticipo e, dato che quest’anno il Covid19 non ha permesso una vera e propria cerimonia di accensione delle luminarie in città, da ieri sera le strade del centro di Campobasso hanno sfoggiato il loro abito luminoso.
«Quest’anno abbiamo esteso le illuminazioni natalizie anche in strade non toccate negli anni scorsi – ha dichiarato l’Assessore alle Attività Produttive, Paola Felice – e inoltre abbiamo immaginato di rendere tangibile, anche figurativamente, il legame che unisce i campobassani ai Misteri del Di Zinno, attraverso un’istallazione luminosa posizionata proprio sotto Palazzo San Giorgio».
Dopo la mancata uscita degli ingegni nel 2020 a causa della pandemia, la passione dei campobassani per i Misteri si è fatta, se possibile, ancora più viscerale e l’Amministrazione comunale ha inteso rilanciarla anche a livello mediatico attraverso l’installazione di una originale cornice selfie che ha per protagonisti la Donzella e il Diavolo, personaggi emblematici degli ingegni del Di Zinno.
«Le luminarie di quest’anno – ha aggiunto l’assessore Felice – vanno incontro principalmente all’esigenza dei commercianti locali con i quali abbiamo deciso di comune accordo di tenere acceso, anche simbolicamente, lo spirito natalizio e sono, in un periodo complicato come quello che da tanti mesi stiamo vivendo, un segnale di speranza che vogliamo abbracciare insieme all’intera comunità cittadina. Purtroppo non possiamo fare grandi cose quest’anno e soprattutto non possiamo organizzare eventi, ma volevamo che questo Natale sottolineasse la forza della nostra tradizione più bella, tradizione che, oltre a segnare la nostra identità, rappresenta un solido sostegno morale per l’intera comunità cittadina. Abbiamo operato il tutto risparmiando sui costi, circa 62.000 euro iva inclusa per tutte le luminarie, compresa anche l’istallazione con i personaggi del Di Zinno, ma non rinunciando a portare in piazza e per le strade tutti i simboli del Natale, albero e presepe inclusi e che verranno montati nei prossimi giorni».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.