Menù

Covid, sempre meno contagi ma sale il numero dei decessi: Isernia piange Fulvio De Lellis

Il conto dei guariti supera quello dei nuovi casi: un’altra giornata con la curva dei contagi in frenata ma funestata dalla notizia del decesso di Fulvio De Lellis, stimato professionista che non è riuscito a superare il maledetto Covid come altre sei persone, tutte decedute nella giornata di ieri. Il conto di chi non ce l’ha fatta, dall’inizio dell’emergenza, è salito a 127. La buona notizia come detto riguarda i guariti: in totale 212 e di questi quasi la metà residenti in 27 comuni della provincia. Isernia ne conta 29. Sono 102 le persone che hanno superato ufficialmente il Covid, numeri che fanno tirare il classico sospiro di sollievo. Sono invece 96 i nuovi casi di contagio registrati sull’intero territorio regionale e certificati dal bollettino dell’Asrem su 797 tamponi. Spiccano i dati di Scapoli e Rocchetta al Volturno (in entrambi i piccoli comuni si sono registrati otto casi di positività). Isernia conta altri sette casi di contagio, tre a Carpinone, due a San Pietro Avellana e Macchia d’Isernia, otto a Venafro e poi i casi singoli di Castel San Vincenzo, Civitanova, Colli al Volturno, Filignano, Fornelli, Montaquila, Pescolanciano, Pettoranello, Pozzilli, Roccamandolfi, Sessano e Vastogirardi. Sei i ricoveri disposti anche per due pazienti provenienti rispettivamente da Isernia e Venafro, entrambi in Malattie infettive. I numeri aggiornati: sono 2639 i pazienti attualmente positivi (di cui 1079 residenti nei comuni della provincia), 74 le persone al momento ricoverate al Cardarelli di cui 65 in Malattie infettive e 9 in rianimazione. Gli asintomatici a domicilio sono 2509, 3474 le persone attualmente in isolamento.

Ex sindaco e colonna del Psi Molise: a 74 anni ha perso la sua battaglia

Nessuna patologia pregressa, nessun sintomo diverso che potrebbe aver accelerato lo tsunami che lo ha travolto, nulla che potrebbe aver contribuito al decesso. Un uomo in salute fino a quando, più o meno un mese fa, sulla sua strada si è parato il Covid. E da lì, prima un ricovero in ospedale in Malattie infettive poi da almeno due settimane la necessità delle cure in Terapia intensiva dove purtroppo è spirato ieri. Fulvio de Lellis, 74 anni, era una colonna portante del Psi molisano che oggi ne ricorda la forza, l’impegno. Originario di Vastogirardi, che ha guidato come sindaco, commercialista noto e molto apprezzato, consulente anche per il Comune di Isernia, Fulvio De Lellis «rendeva la politica, così come il lavoro, cose piacevoli – racconta con dolore il segretario regionale Marcello Miniscalco -. Nell’ultimo periodo ci sentivamo sempre. Socialista storico, offriva sempre il suo contributo indirizzando verso la strada più giusta senza polemiche. Un uomo lungimirante, una persona pacifica. È una perdita grande – commenta ancora il segretario regionale del Psi -, una bella mente, un visionario. Ricordo di lui un congresso a Venezia, venne con la figlia e furono giorni splendidi grazie alla sua arguzia. Di quei giorni ho un ricordo bellissimo come quelli che lo riguardano: una persona sempre attiva come era Fulvio che, di punto in bianco, non c’è più. È davvero un giorno molto triste».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.