Menù

Odissea Covid, da Termoli al Selvapiana e poi in elicottero all’Umberto I

Sono da poco passate le 16.15 quando l’ambulanza dell’ospedale San Timoteo arriva a Campobasso. A bordo un paziente Covid che ha bisogno di rianimazione. Attivata la Cross, il posto letto disponibile per lui è all’Umberto I di Roma.
L’elicottero della flotta del 118 della Regione Toscana, che la scorsa settimana era venuto in Molise per la prima volta, atterra di nuovo a Selvapiana per effettuare poi il trasferimento nel Lazio.
In un primo momento, come era anche più logico, le notizie erano che l’elicottero sarebbe andato a prenderlo a Termoli. Per non meglio noti motivi tecnici, però, l’uomo ha dovuto viaggiare prima in ambulanza fino al capoluogo di regione prima di essere imbarcato per il policlinico romano.
Non è l’unico viaggio della giornata. In mattinata, intorno alle 12, un altro trasferimento fuori regione in elicottero.
E a giudicare dal numero dei pazienti in rianimazione al Cardarelli (17 sui 12 posti ordinariamente disponibili), i voli continueranno nella giornata di oggi.
Salcito, Vietri, Gemelli, ospedale da campo a Termoli: nessuna di queste soluzioni, solo le ultime due in fase già operativa o quasi, prevede posti di terapia intensiva aggiuntivi. Per poter sperare di non dover più ricorrere alla Cross si deve attendere l’allestimento dei moduli di rianimazione al Cardarelli, al Veneziale e al San Timoteo. A Tappino i lavori di posa in opera delle strutture removibili inviate da Arcuri vanno avanti. La stima dei tempi di ultimazione della protezione civile, però, arriva comunque alla prima settimana di marzo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.