Menù

Impennata di casi a Campobasso, ?ma i cittadini hanno rispettato le regole?

Impennata di casi a Campobasso, ?ma i cittadini hanno rispettato le regole?

Ancora una volta il centro molisano pi? colpito, una ?costante? negli ultimi dieci giorni. Ieri Campobasso ha registrato altri 14 positivi al Covid. In merito all?impennata di casi circolano due correnti di pensiero. Secondo alcuni ? da imputare alla riapertura delle scuole – e i diversi casi registrati all?interno degli istituti cittadini ne ? una prova – con il fisiologico aumento della circolazione, ad esempio, sui mezzi pubblici. Secondo altri invece ? il risultato della settimana di Pasqua quando, complici anche i rientri dei cosiddetti ?fuori sede?, c?? stato un generale abbassamento della guardia, con cene e pranzi allargati anche a persone non conviventi o parenti stretti. Non ? di questo parere, per?, il questore di Campobasso Giancarlo Conticchio che nelle ultime settimane ha riscontrato un sostanziale rispetto delle regole.
?Il comportamento del campobassano ? stato esemplare durante le feste pasquali ? le parole del numero uni di via Tiberio – non abbiamo rilevato criticit? nonostante i controlli capillari e mirati anche nei luoghi canonici di ritrovo. Anche perch? ormai da mesi, quando si verificano assembramenti o feste private, i cittadino sono abituati a segnalare e chiedere l?intervento delle forze di Polizia. Durante la settimana santa non sono arrivate chiamate al centralino. Quindi ritengo che questo aumento di casi sia un fatto fisiologico dovuto ad altro, ma devo dire che comportamenti scorretti non ne abbiamo rilevati?.
Il questore ? per? gi? proiettato al 26 aprile quando, zona gialla permettendo, partiranno le graduali riaperture anche a Campobasso. ?Abbiamo gi? pianificato un potenziamento dei controlli, sia delle persone che degli esercizi pubblici, sulla falsa riga di quanto fatto dopo il primo lockdown. Ma quello che mi preme comunicare ? che la Polizia non deve essere per forza repressiva, io confido nel senso di responsabilit? delle persone. Noi dobbiamo certamente attenzionare il problema ma il cittadino deve fare la sua parte. Io se vedo un locale affollato, non entro. Questa deve essere la ratio. Riacquistare pian piano le libert? ma con prudenza, utilizzando dispositivi di protezione e distanziamento. Certo, ci sono delle situazione in cui sar? pi? difficile, penso ad esempio alla riapertura degli stadi l?11 giugno. Bisogner? capire in che modo farlo, perch? la calca di persone all?ingresso e alla biglietteria ci sar?. Quindi anche quando ci sar? la possibilit? di tornare allo stadio, evitiamo di stare uno dietro l?altro e distanziamoci. Sono fiducioso che in questo modo presto torneremo a quella normalit? che manca a tutti noi, ma serve ancora un ultimo sforzo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.